Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Dopo il successo delle regate con i team di Oxford e Cambridge la costituzione di un club remiero a Caserta

L’OLIMPIONICO TIZZANO AL PANATHLON: “UN CENTRO REMIERO NELLA PESCHIERA DEL PARCO”

                   

   Il Panathlon Day, che coincide con la data di fondazione del sodalizio internazionale nel lontano 12 giugno 1951, è stato celebrato a Caserta con un significativo evento organizzato dal Panathlon Club Caserta-Terra di Lavoro, di cui è presidente Paolo Santulli, nella prestigiosa cornice del monumentale Palazzo Paternò nell’antico centro storico del capoluogo in via San Carlo.
                        Ed è stato il due volte campione olimpico di canottaggio Davide Tizzano, applaudito organizzatore della Reggia Challenge Cup imperniata sulla sfida nella vasca dei Delfini tra i mitici equipaggi delle università inglesi di Oxford e Cambridge, ad illustrare, con l’ausilio di un filmato, la spettacolarità dell’evento, ripreso dalle emittenti televisive nazionali, annunciando tra l’altro ufficialmente l’iniziativa di dar vita ad un sodalizio remiero a Caserta. “In una città dove non c’è il mare - ha sottolineato Tizzano - sembra un controsenso parlare di canottaggio, eppure, sfruttando gli ampi spazi d’acqua nel Parco della Reggia, abbiamo dimostrato che il canottaggio sprint, anche con team di primo livello, si può effettuare. E con questa convinzione abbiamo costituito un club remiero, i Reali Canottieri Reggia di Caserta, che avrà la sua base operativa nel lago della Peschiera e farà attività di addestramento sulle imbarcazioni sia per i normodotati che per i disabili”. "Su questo progetto abbiamo il pieno consenso della Direzione della Reggia, del Coni e della Federcanottaggio - ha concluso il campione olimpico-. Usufruiamo inoltre dell'incoraggiamento della Fondazione Terzo Pilastro di Roma presieduta dal professor Emmanuele Emanuele, già vicina concretamente all'organizzazione della Reggia Challenge Cup".
                      Una notizia accolta con entusiasmo dai numerosi intervenuti, che gremivano il salone d’onore di Palazzo Paternò, tra i quali il Prefetto di Caserta Raffaele Ruberto, il Sindaco Carlo Marino, il Governatore del Distretto Panathlon Campania Enzo Todaro, la presidente del Tribunale di Napoli Nord Elisabetta Garzo, il Delegato Coni Michele De Simone, i rappresentanti dei club di Napoli Schilirò,  di Sorrento Esposito, della Valle Caudina Taurino e tanti altri. E tutti si sono complimentati con la presidente del club neocostituito, Roberta Reisino.
                      Il Governatore Todaro nel suo intervento si complimentava per il riuscito incontro organizzato “dall’unico club Panathlon riconosciuto in provincia di Caserta, peraltro tra i più antichi d’Italia”, mentre il Prefetto Ruberto esaltava il ruolo delle associazioni come punto di riferimento della società civile, specie nel mondo dello sport, attività essenziale per l’educazione dei giovani.
                      Il Presidente Santulli presentava quindi i soci onorari del club, e cioè il Sindaco di Caserta Carlo Marino e l’olimpionico Davide Tizzano e i nuovi soci effettivi e cioè Luciano Buonanno per il basket da Marcianise, Lucio Bernardo per il giornalismo sportivo da San Nicola la Strada,  Monica Di Giacomantonio per la scherma da Caserta, Antonio Maria per il calcio da Caserta, Daniele Ricciardi per l’automobilismo da Caserta. Riconoscimenti sono stati consegnati anche al Prefetto Ruberto, alla presidente del Tribunale di Napoli Nord Elisabetta Garzo e al magistrato Nicola Graziano.

                       L’organizzazione dell’incontro è stata curata dal direttivo composto, tra gli altri, dal vicepresidente Bruno Giannico, dal segretario Salvatore Giaccio, dal tesoriere Enzo De Lucia, dal cerimoniere Giuliano Petrungaro con l’impegno del past president Geppino Bonacci.

 U1B8975

 U1B8909

 U1B8891

 U1B8880

 U1B8866