Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

VINCI 3

VINCI 5

VINCI 2

VINCI 1

Cinque anni fa partiva la grande sfida dell’ITIS L. da Vinci di Napoli. Per la prima volta in Italia un Istituto Tecnico Industriale otteneva dal MIUR l’autorizzazione alla nascita di un corso ad indirizzo sportivo di Perito Chimico denominato BIOTECNOLOGIE SANITARIE AD INDIRIZZO SPORTIVO. Il corso che, a differenza dei Licei Sportivi, dà un titolo finito, mette i corsisti in grado di proseguire tutti i tipi di studi ed in particolare quelli in Biotecnologie Sanitarie, Scienze Infermieristiche e Scienze Motorie.

Sabato 26 maggio, nella biblioteca dell’Istituto, si è svolta la festa degli alunni/e della prima 5^ del corso che si diplomeranno quest’anno. Nel corso della cerimonia sono stati consegnati agli alunni/e i diplomi e gli attestati sportivi conseguiti in questi anni. Numerose le Autorità politiche e sportive che, accolti dal Dirigente Scolastico Annabella Marcello, hanno voluto intervenire a questo importante evento. Per il mondo sportivo hanno partecipato:
-Per il CONI il Presidente Regionale Sergio Roncelli

- Per la Federhockey il presidente Provinciale di Napoli prof. Domenico Tafuri, anche  Direttore del Corso di Laurea in Scienze Motorie della Università degli Studi Parthenope di Napoli.

-Per il CR Campano Rugby il consigliere Leonardo Cerino, peraltro ex alunno dell'istituto.

- Per il Tennistavolo il V.Presidente della FITeT Napoli Carmine Savanelli

- Per la Federnuoto Campania il Consigliere Regionale Lello De Salsi

- Per la FIDAL il Presidente Regionale Sandro Del Naia

- Per la Federpugilistica il Dirigente Nazionale Enrico Apa

- Per la Associazione “La Buona Sanità” che ha permesso di conseguire gli attestati BLSD, la dott.ssa mariarosaria Rondinella.