Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Kowalczyk bronzo

CLAUDIAMEMOLIARGENTO

Fiorettiste oro

Sciabolatori argento

L’ORGOGLIO DEL PRESIDENTE REGIONALE FIS MATTEO AUTUORI

L’oro a squadre e l’argento individuale della fiorettista del Club Scherma Salerno, Claudia Memoli, l’argento a squadre dell’altro salernitano Michele Gallo e del napoletano Giorgio Marciano della Champ nella sciabola, il bronzo individuale della spadista casertana Sara Maria Kowalczyk. È un bilancio trionfale quello con cui la Campania ha archiviato le gare under17 dei Campionati Europei Cadetti e Giovani 2018 di Sochi, in Russia.

Una settimana straordinaria. Ad aprirla è stata Sara Maria Kowalczyk, tesserata con il Gruppo Schermistico Giannone Caserta, allieva e figlia d’arte, visto che la madre è la maestra Ewa Borowa: è salita sul terzo gradino del podio nella gara di spada femminile individuale. Un percorso netto l’ha condotta sino alla semifinale, dove è uscita sconfitta con il punteggio di 15-10 dal match contro l’ungherese Eszter Muhari. I successi della Kowalczyk in giornata erano iniziati dalla fase a gironi, proseguendo poi contro la finlandese Saavalainen per 15-7 nel turno dei 64 e, a seguire, contro l’ungherese Kolczonay per 15-10 e agli ottavi contro la russa Bekmurzova per 15-12. Ai quarti era poi giunta la vittoria, che era valsa la certezza del podio, contro l’altra ungherese Buki, con il punteggio di 15-8 prima del ko nell’assalto che metteva in palio la finalissima.

Il giorno seguente Claudia Memoli si è laureata vicecampionessa d’Europa nel fioretto femminile individuale. Una cavalcata meravigliosa per l’allieva del maestro Marco Autuori, fermatasi solo nella finale per l’oro, con il punteggio di 15-12, al cospetto della russa Bikbulatova. Il “capolavoro” di Claudia si era consumato in semifinale contro la russa Petrova: l’azzurra, infatti, è stata capace di rimontare un passivo di ben sei stoccate, portandosi dal 2-8 al 15-13 conclusivo che le ha aperto le porte della finalissima. La portacolori del Club Scherma Salerno aveva iniziato superando nel turno delle 32 l’ungherese Zsofia Kalocsai per 15-3, poi a seguire ha battuto l’ucraina Alina Poloziuk per 15-7 e quindi, ai quarti, con il punteggio di 15-14, l’altra italiana Eleonora Berno.

Dopo 48 ore, però, Claudia Memoli ha concesso il bis sul podio, stavolta sul gradino più alto, vincendo il titolo europeo con il team Italia di fioretto femminile. L’Inno di Mameli è stato suonato in onore delle fiorettiste cadette sotto gli occhi del loro “mito”, il capo della delegazione italiana Valentina Vezzali. La medaglia d’oro è merito del quartetto composto, con la campionessa salernitana, da Martina Favaretto, Eleonora Berno e Lucia Tortelotti: finale vinta contro le padrone di casa della Russia con il netto punteggio di 45-36. In precedenza la squadra azzurra aveva sconfitto ai quarti la Slovacchia con un secco 45-16 e poi, per 45-18, la Lettonia in semifinale.

È concittadino della Memoli e tesserato Club Scherma Salerno anche Michele Gallo, che ha trascinato la squadra di sciabola maschile a uno splendido argento. Nel quartetto degli sciabolatori azzurri prevaleva l’accento campano, visto che con il salernitano Gallo, allievo del maestro Antonio Serra, c’era anche il partenopeo Giorgio Marciano, della Champ Napoli del maestro Gigi Tarantino, che ha guidato a fondo pedana il team Italia completato da Alberto Nigri e Lorenzo Ottaviani. Gli azzurri hanno esordito superando agli ottavi l’Islanda per 45-10, proseguendo poi piegando per 45-32 la Turchia ai quarti. In semifinale, contro la coriacea Russia, la squadra italiana è stata capace di recuperare un largo passivo, sino a concludere con il punteggio di 45-43 una rimonta capolavoro. In finale è poi arrivata la sconfitta per 45-40 contro l’Ungheria, che comunque non cancella una grande prestazione né tantomeno il valore di una meritatissima medaglia per Gallo, Marciano e compagni.

«I nostri ragazzi ci hanno regalato emozioni e medaglie. A loro, alle loro famiglie, ai maestri e ai dirigenti che hanno reso possibili queste imprese agli Europei di Sochi tra gli under17 vanno i miei complimenti e la mia gratitudine», il commento orgoglioso del presidente del Comitato Regionale FederScherma Campania, Matteo Autuori.