Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 brillantinoLA SCOMPARSA DEL MAESTRO BRILLANTINO: GRAVE PERDITA PER LO SPORT CAMPANO E ITALIANO. IL CONI CAMPANIA, A NOME DI TUTTI GLI SPORTIVI DELLA REGIONE, ESPRIME LE PIU’ SENTITE CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA                 

La scomparsa del Maestro Domenico "Mimmo" Brillantino, a 77 anni, che, nella sua ultraquarantennale attività alla guida tecnica dell’Excelsior Boxe Marcianise, ha forgiato centinaia di campioni italiani, europei, mondiali, oltre che medaglie olimpiche assolute come quelle di Angelo Musone, Clemente Russo, Vincenzo Mangiacapre e giovanili come Vincenzo Arecchia, priva lo sport casertano ma anche quello italiano di un solido e insostituibile punto di riferimento.

Al di là dei risultati sportivi, per i quali proprio nel dicembre scorso era stato insignito dal Presidente del Coni Giovanni Malagò della Palma al Merito Tecnico, il massimo riconoscimento per un allenatore, la sua Palestra, dove a fine anno aveva organizzato la festa per i 40 anni dalla fondazione della Società, era un luogo dove si formavano campioni ma soprattutto uomini.

Il Maestro Brillantino poneva difatti dinanzi alle qualità agonistiche in primo luogo quelle umane, svolgendo nei confronti dei giovani allievi il ruolo di educatore finalizzato a formare ottimi cittadini prima che grandi atleti.

Il suo impegno era come una missione e in un contesto difficile e problematico è stato per tanti ragazzi e ragazze un trascinatore verso sentimenti e atteggiamenti positivi. Al di là dei grandi risultati sportivi ottenuti, che statisticamente hanno identificato Marcianise come la “capitale” italiana e mondiale della boxe, regalando, nello stesso tempo, alla provincia di Caserta ed alla Campania immagine e prestigio a livello planetario, il Maestro Brillantino rimarrà nel ricordo indelebile di centinaia di famiglie che hanno visto i loro figli crescere ed essere educati in una palestra di sport ma anche di vita.
Il mondo sportivo italiano ringrazia l’indimenticabile amico e l’esemplare tecnico, stringendosi al suo feretro e abbracciando la moglie Rocchina, la figlia Carmen, i figli Enzo e Antonio, ambedue apprezzati tecnici di pugilato, cui compete l’onere di seguire le orme del padre, il genero Antonello Velardi, sindaco di Marcianise e dirigente della Società Excelsior Marcianise, i nipoti e i parenti tutti.
Domani martedì  alle ore 15,00 nella Chiesa di San Giuliano a Marcianise le onoranze funebri.